Un aiuto in più non è mai troppo

Generalmente impegnarsi significa concentrarsi, cercare una condizione favorevole per espletare uno o più compiti o azioni; invece per noi adolescenti, può significare cose diverse. Ci sono, infatti, molti tipi di impegno per noi ragazzi, ad esempio: quello scolastico e sportivo, quello per attività quotidiane in famiglia o con gli amici, ma è importante soprattutto mantenere il giusto stile di vita evitando ogni genere di dipendenza come la droga,il fumo, il gioco d’azzardo, l’alcol. Abbiamo chiesto agli adulti come potremmo migliorare il nostro mondo; ovviamente non riusciremo a cambiarlo in un solo giorno, ma potremmo partire dalle piccole cose. Sarebbe opportuno gettare i rifiuti negli appositi cassonetti, dovremmo essere più altruisti nei confronti delle persone bisognose donando loro ciò che non ci serve più, dovremmo ridurre lo spreco di cibo, consumare meno energia e acqua, spostarci a piedi o in bicicletta. Abbiamo inoltre domandato all’Assessore ai Servizi Sociali Silvio Bini come sta operando il nostro comune per aiutare delle persone meno fortunate. Abbiamo dedotto che il nostro paese sta mettendo in atto molti “macro-obiettivi”, che serviranno per migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Questi progetti saranno utili soprattutto alle persone anziane, le quali sono aiutate quotidianamente in un centro diurno che organizza, oltre ai pasti, varie attività ricreative, brevi viaggi, uscite didattiche con bambini e ragazzi delle scuole per raccontare come vivevano quando erano giovani. A Buonconvento ci sono anche molte persone che, per motivi di salute, non possono recarsi ai centri di assistenza e alle quali vengono in aiuto dei volontari che portano loro del cibo o che li accompagnano in ospedale o a fare la spesa. Oltre al centro diurno, il Comune sta cercando fondi per la costruzione di una casa di riposo e da anni ha messo a disposizione delle famiglie, che contribuiscono economicamente in base all’ISEE, un asilo nido per i bambini da 6 mesi a 3 anni; questo è un bell’aiuto per le mamme lavoratrici! Da qualche mese, per agevolare l’integrazione dei cittadini stranieri, è partito un corso gratuito di italiano per adulti e ormai da qualche anno è attiva la Stanza del sorriso, ovvero un locale in cui le persone possono portare vestiti, biancheria, giochi, accessori di cui non hanno più necessità per le famiglie bisognose. Inoltre, le persone in difficoltà economica, in base al loro reddito, possono far richiesta all’ufficio comunale addetto per avere delle riduzioni nelle tasse da pagare o per avere diritto ad un alloggio con un canone agevolato. Per quanto riguarda la difesa dell’ambiente, come già avvenuto in altri paesi, presto anche nel nostro arriveranno i cassonetti con apertura a tessera, così ognuno di noi sarà tenuto a fare la differenziata.

PER APRIRE LA PAGINA CLICCA QUI