La sfida dei piccoli cronisti. Campioni di giornalismo

Firenze, la presentazione del Campionato di giornalismo (Marco Mori /New Press Photo)
PRESSPHOTO FIRENZE preentazione Campionato di giornalismo: foto Marco Mori /New Press Photo

La sfida fra le classi coinvolge sedici scuole e centinaia di ragazzi. Un appuntamento di successo che è giunto alla diciottesima edizione

 

Un gioco divertente e, soprattutto, un’opportunità per sviluppare gli anticorpi contro le fake news. Torna in forma più smagliante che mai il Campionato di giornalismo, che diventa maggiorenne: siamo infatti alla 18esima edizione del concorso tra i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado (ma non manca qualche piccolo redattore della primaria), che nei prossimi mesi si sfideranno a colpi di inchieste sulle pagine di cronaca del quotidiano più antico d’Italia. 16 le scuole in campo, 16 agguerrite squadre di cronisti in erba, pronti a vestire i panni dei giornalisti per scovare le piccole grandi cose che non vanno nella nostra città, ma anche per riflettere su ambiente, solidarietà e vivere civile.

Tantissimi gli spunti emersi durante la presentazione della nuova edizione, andata in scena ieri mattina nell’auditorium del nostro giornale. A fare gli onori di casa, la direttrice de La Nazione Agnese Pini, che ha spronato i ragazzi “a guardare la realtà con un occhio differente, per raccontarla da un punto di vista originale”.
«Sono certa che anche il semplice tragitto che fate da casa a scuola è ricco di notizie”, l’input lanciato ai piccoli grandi cronisti. Compagni di viaggio della nuova avventura, Conad nord ovest, Alia, Comune di Firenze, Rotary Firenze Est e Att. Alla cerimonia hanno partecipato l’assessore Sara Funaro, Antonio Mannina per Conad nord ovest, il presidente dell’Att Giuseppe Spinelli, il responsabile relazioni esterne Alia Alessandro Signorini e, per i Rotary est, il presidente Stefano Selleri e, ancora, Rodolfo Cigliana e Giovanni Squarci, oltre a Teresa Madeo, dell’Ufficio scolastico regionale. Inossidabile poi la nostra fedele giuria, con i professori Marco Marchi, Cosimo Ceccuti e Sandro Rogari già pronti a leggere i lavori dei ragazzi.
A rompere il ghiaccio il 2 marzo saranno i redattori in erba della Manzoni e della San Lorenzo Le Rose. Da quel momento entreremo materialmente nel vivo della gara, che anche quest’anno si svilupperà intorno a due gironi per dare ai ragazzi la possibilità di preparare, con il supporto dei docenti-tutor, due pagine di giornale complete. Spazio dunque al pezzo di apertura, a quello di taglio, ai titoli, alle foto, ai grafici e, perchè no, anche a divertenti vignette. Gli studenti potranno spaziare dai temi più svariati: dal turismo sostenibile alla legalità, dal cyberbullismo all’immigrazione. Il martedì e il giovedì saranno pubblicate le pagine. E in quei giorni La Nazione entrerà gratis nelle classi protagoniste del concorso. Anche quest’anno, tantissimi i premi: quello speciale per la miglior vignetta, il super-click per la pagina più apprezzata dagli internauti, il premio de La Nazione ‘Cittadini del futuro’. E ancora il riconoscimento Conad per la miglior pagina sulla corretta alimentazione, di Alia sulle buone pratiche ambientali ed il premio dei Rotary sulla solidarietà, dedicato al nostro compianto collega Egisto Squarci. Diritti, ambiente, sostenibilità e prevenzione delle malattie i temi cari a Palazzo Vecchio.