Campionato di Giornalismo la Nazione

Dipendenti dal cellulare

LA MAGGIOR parte di noi ragazzi è dipendente dal proprio cellulare: ciò ci allontana e ci isola dal mondo reale. Tendiamo a rinchiuderci in un mondo tutto nostro tra videogiochi, chat e social network, dove è più facile stringere nuove amicizie. Inizialmente il cellulare era uno strumento che avevano in pochi e che serviva a mettersi in comunicazione con persone anche molto distanti da noi. Col passare degli anni è diventato un oggetto dai mille altri usi, di cui non possiamo fare più a meno, che porta noi ragazzi a una vera e propria dipendenza. Infatti ora il cellulare non è più un semplice telefono, ma un “minicomputer” su cui possiamo installare una marea di applicazioni e su cui possiamo creare video, scattare foto, scaricarli e condividerli con altre persone. QUESTA ricchezza di risorse che il cellulare ci offre spesso attacca la mente degli adolescenti, psicologicamente vulnerabili e tendenti a isolarsi sempre più dalla realtà esterna alle mura di casa, per concentrarsi sui bagliori dello schermo: secondo varie statistiche il tasso di suicidi tra i giovani è aumentato notevolmente dal 2011 a oggi, e c’è chi pensa che molti di questi siano provocati dall’utilizzo sbagliato della tecnologia. Prima si passavano le giornate all’aperto a divertirsi con gli amici, invece oggi i ragazzi non hanno più ritrovi fisici, bensì virtuali. Secondo il nostro parere, è più divertente stare all’aria aperta con i compagni, piuttosto che rinchiudersi in casa col cellulare in mano, passando interi pomeriggi da soli. Se i nostri genitori dovessero metterci di fronte alla scelta “usare il cellulare/ uscire fuori”, noi sceglieremmo senza esitazione di uscire fuori con gli amici. MA PROPRIO i nostri genitori spesso danno un esempio sbagliato a noi ragazzi sull’uso esagerato del cellulare: quante volte non riescono a staccare gli occhi dallo schermo, nonostante noi gli stiamo parlando? Anche un sondaggio che abbiamo effettuato a scuola tra professori e custodi rivela che gli adulti ormai non possono fare a meno del cellulare. Per poter tutti uscire dalla dipendenza, si dovrebbe limitare l’uso quotidiano del cellulare ed è importante ricavarsi del tempo per sé stessi, stando più all’aperto e provando nuove e varie attività (sport, teatro, passeggiata con gli amici in paese...). Per concludere, possiamo dire che noi ragazzi cercheremo di limitare l’uso del telefono, uscendo di più con gli amici e divertendoci fuori casa, come facevano i nostri genitori e i nostri nonni nell’epoca della “No-tecnologia”.

Classe 2B

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI