Campionato di Giornalismo la Nazione

L’adolescenza (s)conosciuta

TUTTI PRIMA o poi diventiamo adolescenti: noi ci stiamo entrando piano piano e, un po’ perché ce lo dicono i nostri genitori, un po’ perché ce ne accorgiamo da soli, capiamo che stiamo cambiando e crescendo molto velocemente. Come fare per sopravvivere all’adolescenza? Facile: bisogna conoscerla! Vediamo quindi cos’è insieme. L’adolescenza è il passaggio dall’infanzia all’età adulta ed è un periodo caratterizzato da cambiamenti profondi, sia emotivi che fisici: quelli emotivi riguardano indistintamente tutti, mentre quelli fisici di solito iniziano prima nelle femmine e poi nei maschi. Data la rapidità con cui si verificano questi ultimi, è frequente una certa preoccupazione in noi ragazzi, focalizzata sul nostro aspetto esteriore in evoluzione, con cui dobbiamo imparare a convivere giorno dopo giorno. Inoltre durante gli anni dell’adolescenza sperimentiamo noi stessi, perché non è ancora chiaro chi si è, cosa si vuole, cosa piace. Questo periodo si contraddistingue poi per la tendenza all’indipendenza e a trascorrere molto tempo con i coetanei. L’adolescenza è divisa dagli studiosi in tre fasi, in base a comportamenti tipici: quella iniziale (dai 12 ai 14 anni), quella intermedia (dai 15 ai 16 anni) e quella finale (dai 17 ai 19). Noi, che stiamo vivendo la fase iniziale, confermiamo prima di tutto che l’umore è variabile! Si ricerca un’identità e gli interessi sono influenzati dal gruppo di amici di cui si fa parte. Nella fase intermedia, in cui entreremo a breve, l’adolescente alterna momenti in cui crede in se stesso, a momenti in cui ha scarsa autostima; ricerca nuove amicizie e sta molto attento al suo modo di apparire. Nella fase finale il giovane rafforza la propria identità, comincia a pensare a quale sarà il suo ruolo nella società e a porsi degli obiettivi personali. L’adolescenza termina quando è ben chiaro chi si è, dove si vuole arrivare e quando si è pronti a costruire rapporti stabili. Da protagonisti del problema, abbiamo condotto un sondaggio nella nostra classe per verificare quali siano i sintomi dell’adolescenza più comuni tra noi. Questi i risultati: la maggior parte di noi ha problemi con i genitori e tenta di compensare questo contrasto stringendo nuove amicizie; molti sono legati ai social e al cellulare, alcuni si sentono diversi sia fisicamente che caratterialmente e non tutti accettano pacificamente questi cambiamenti. Insomma: ormai siamo tutti adolescenti, chi più chi meno. Ci troviamo solo all’inizio di questo lungo periodo, ma, ora che lo conosciamo meglio, ce la metteremo tutta per far sì che sia anche felice!

Classi 2C

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI