Campionato di Giornalismo la Nazione

L’evoluzione della piazza

PIAZZA della Vittoria ha sempre rappresentato uno dei principali punti di aggregazione della città di Empoli. Pensiamo agli ultimi eventi come l’accensione del grande albero che ha dato inizio al Natale 2018, oppure il “Mercatale”, un mercato di prodotti tipici del territorio che viene organizzato ogni 15 giorni il sabato mattina. L’immagine della piazza è stata fortemente rinnovata a cavallo del nuovo millennio a seguito dell’intervento dell’architetto milanese Italo Rota che ha affiancato al monumento storico una grande vasca con scenografici getti d’acqua. Nel 2016 è stato effettuato l’ultimo importante restyling con la creazione di un’area destinata a verde pubblico al posto della fontana ormai fatiscente. In occasione della festa dell’Unità Nazionale, celebrata il 4 novembre 2017, il sindaco di Empoli Brenda Barnini ha aperto alla cittadinanza i giardini appena realizzati per l’inaugurazione. La piazza si trova fuori dall’antico perimetro delle mura cinquecentesche, dove sorgeva Porta Fiorentina e ha preso il nome dalla statua bronzea della dea Vittoria, realizzata nel 1925 da Dario Manetti e Carlo Rivalta come monumento in memoria dei soldati caduti durante la Prima Guerra Mondiale. La statua della Dea Vittoria alata e velata, espressione del dolore struggente verso i caduti, domina al centro della piazza da un alto basamento in travertino dove vi sono scolpite figure umane, prevalentemente maschili, che richiamano le scene della battaglia. Il 24 febbraio, proprio davanti a questo monumento, si è tenuta una solenne cerimonia per il conferimento ufficiale della cittadinanza onoraria di Vittorio Veneto alla memoria degli empolesi che hanno combattuto nella Grande Guerra. Presenti il sindaco Brenda Barnini, le rappresentanze del nostro Comune e l’assessore al Centenario della Grande Guerra di Vittorio Veneto Barbara De Nardi. LA PIAZZA oggi ha una struttura pressochè quadrangolare che ospita la Chiesa della Madonna del Pozzo e la casa natale di Ferruccio Busoni oltre a numerosi esercizi commerciali. Fino ai primi decenni del Novecento piazza Vittorio Emanuele, nome con cui fu inaugurata a fine ’800, ha mantenuto la fisionomia di un vasto piazzale dove per molto tempo si sono svolti il mercato settimanale e l’annuale fiera settembrina. Sul finire dell’Ottocento la piazza fu oggetto di un’importante riqualificazione urbanistica diventando il centro del nuovo asse commerciale rappresentato da via Roma in diretto collegamento con la stazione ferroviaria.

Classe 2E - Tutor: Giovanna Gori, Maria Lucia Cavarretta

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI