Campionato di Giornalismo la Nazione

Trasferirsi all’estero? No, grazie

ABBIAMO svolto un’indagine statistica sulle opportunità lavorative del nostro territorio, in modo da verificare la possibilità in futuro di poter trovare un impiego nel tessuto sociale in cui siamo cresciuti, senza essere costretti a «fuggire» all’estero. Da tale indagine è emerso che il fiorente polo conciario di Santa Croce, Fucecchio e comuni limitrofi, attualmente offre, grazie all’alta tecnologia attuata e alla richiesta del mercato, occupazione a circa 8mila addetti con posizioni lavorative che vanno dall’operaio al dirigente. COME FARE per conoscere meglio questa realtà? Siamo stati a visitare una conceria di Fucecchio: la Nuova Osba Italia , la cui giovane manager, dottoressa Maida Famiglietti dopo aver conseguito la laurea in economia aziendale, ha assunto la direzione di quest’azienda rilevata dalla sua famiglia nei primi anni del 2000, ma presente nel territorio come attività lavorativa ad alta innovazione fin dagli anni ’70. La nuova gestione ha mantenuto la stessa tipologia di produzione, ma utilizzando macchinari tecnologicamente più avanzati , per migliorare la qualità della produzione e tutelare la salute dei dipendenti. Questa conceria insieme alle altre del comprensorio, mette in atto la così detta «economia circolare» , che consiste nel recupero, riciclo e trasformazione dei prodotti di scarto che trattarti da ditte specializzate, vengono poi trasformati in prodotti riutilizzabili come ad esempio i fertilizzanti per l’agricoltura. Le pelli conciate vengono vendute oltre che ai Brands italiani anche nel resto del mondo, pertanto sono necessarie figure commerciali che abbiano oltre a una preparazione tecnica e di vendita, anche una buona conoscenza delle lingue straniere. NELL’AZIENDA sono presenti operai generici che si occupano delle varie fasi della lavorazione della pelle, tecnici conciari, chimici che ricoprono il ruolo di caporeparto e impiegati amministrativi. E’ stato interessante conoscere un settore altamente produttivo della nostra provincia e in parte di quella di Firenze, di cui conoscevamo appena l’esistenza, dove innovazione, tecnologia e moda ne fanno il fulcro mondiale dell’industria conciaria. Oltre all’alta tecnologia sviluppata, questo polo conciario primeggia anche nella depurazione delle acque di scarico in quanto il depuratore costruito in questa zona, grazie anche ai contributi di tutti gli industriali del settore, è uno dei più funzionali a livello europeo.

Classe 3D - Tutor: Nadia Salvadori

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI