Campionato di Giornalismo la Nazione

Il made in… Ponte a Moriano

IN UNA GRIGIA mattinata di aprile le signore Simona e Stefania Fulceri ci accolgono con ospitalità nel loro piccolo “regno”: il cappellificio FU.LA di Ponte a Moriano, da oltre 40 anni eccellenza manifatturiera radicata nel nostro territorio e apprezzata in tutto il mondo. Simona è un fiume in piena, ci tiene a raccontare la storia dell’azienda fondata dai genitori seguendo il gusto per il bello. I suoi occhi brillano al ricordo della forza dal padre Lanfranco e mostrano l’orgoglio di chi porta avanti un’attività che richiede impegno e dedizione, nata dalla volontà di poche persone che hanno creduto nella propria passione. ORIGINARIAMENTE fabbrica di cappelli per bambini, a poco a poco FU.LA ha conquistato i grandi nomi della moda e dei brand internazionali presentando come biglietto da visita la “genuinità” dei loro prodotti. Oggi lavora per dare forma ai bozzetti proposti dalle grandi ditte, che contattano direttamente la piccola impresa. Il risultato? Cappelli dagli stili variegati, destinati a conquistare le passerelle o le vetrine dei negozi di tutto il mondo. Sempre nel rispetto degli ideali di FU.LA, determinata a non perdere di vista le proprie peculiarità e la qualità delle proprie creazioni. LA “STANZA del campionario” è un’esplosione di vivacità: ci sono cappelli di ogni tipo, foggia, materiale. Simona mostra uno scampolo di tessuto, l’origine delle meraviglie create nel cappellificio. Ci esorta a fare domande, risponde volentieri e non risparmia saggi consigli di vita. SPIEGA che la sua piccola-grande azienda ha raggiunto vette altissime tenendo fede al rigore, al rispetto degli impegni e dei tempi, alla concretezza, al sacrificio e alla gavetta, alla creatività. Tutti principi guida di una solida attività artigianale. Simona rivela che cosa significhi per lei la parola “artigianalità”. Sinonimo di “scelte di qualità” per le materie prime selezionate (pellame da allevamento, tessuti cardati) e di certificazioni rilasciate per ogni cappello realizzato, si ricollega alla volontà di seguire di persona il processo di produzione e alla decisione, non scontata, di rimanere nel territorio morianese. FU.LA, inoltre, è un’azienda al femminile che offre lavoro a persone della zona, soddisfatte di poter conciliare gestione familiare e occupazione. La nostra visita prosegue all’interno della fabbrica dove i cappelli vengono prodotti: davanti a noi materiali, macchine per il taglio e per la cucitura, la stiratura, l’applicazione di accessori, il confezionamento. Osserviamo meravigliati questa fucina di attività in gran parte svolte a mano: questa è FU.LA, un’eccellenza del made in … Ponte a Moriano!

Classi 2B, 2D

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI