Campionato di Giornalismo la Nazione

Inferno sul Monte Serra

SONO trascorsi pochi mesi dal terribile incendio doloso che ha duramente colpito i Monti Pisani nella notte tra il 24 e il 25 settembre dello scorso anno. Stiamo parlando della più antica formazione geologica della Toscana, emersa nell’era Cenozoica, prima del Pliocene, epoca in cui il Monte Pisano era una vera e propria isola lambita dal mare. I ricordi di quei terribili giorni, avvolti da una spessa nube grigia che ha oscurato il cielo, è ancora vivo nella mente di tanti che chiedono giustizia e che tanto stanno facendo per riportare il Monte al suo antico splendore. Oltre all’intervento di numerose squadre di vigili del fuoco e di volontari che hanno lavorato senza sosta per giorni per soccorrere famiglie e animali nei giorni dell’emergenza vogliamo ricordare anche molti giovanissimi scout che hanno contribuito a ripulire i terreni arsi dalle fiamme spargendo nuovi semi sopra i residui di cenere. L’INCENDIO, divampato molto facilmente grazie alla secchezza del terreno e del vento che soffiava a circa a 16 km orari, oltre ad aver causato la devastazione di un prezioso patrimonio naturale, ha provocato gravi danni alle abitazioni. Da alcune indagini è emerso che le frazioni evacuate sono circa 6. Oltre 700 le persone sfollate. Per fortuna non si registra nessuna vittima umana, ma non si può dire altrettanto degli animali. Solo pochi quelli che sono stati messi in salvo dalla protezione animale. Molti di essi sono stati trasferiti nel vicino parco naturale di San Rossore. Il danno ambientale è immenso, gli esperti stimano che ci vorranno milioni di euro e circa 8 anni per restituire al Monte Serra il suo splendido paesaggio. E’ PRIMAVERA, cresce la speranza nostra e di tutti di vedere presto i primi germogli tanto attesi, un segno di rinascita per il nostro amato monte! ZOOM sulla PIROMANIA La nostra ricerca su questo terribile evento ci ha spinti a chiederci PERCHE’ sia accaduto tutto ciò, così abbiamo scoperto che il piromane, colui che volontariamente appicca il fuoco, non è semplicemente una persona «cattiva» ma è affetto da piromania, uno stato patologico della mente che consiste nell’essere affascinati, rapiti in modo incontrollabile, dalla visione delle fiamme. Queste persone non mostrano altri sintomi e pertanto sono difficilmente individuabili nella società. La piromania: dal greco «pyr» fuoco e «mania» ossessione può aver origine da traumi subiti durante l’infanzia e porta il soggetto a cercare continui legami con istituzioni che controllano gli incendi. E’ per questo che spesso i piromani si nascondono proprio tra i volontari che aiutano a spengere le fiamme.

Classe 2C - Tutor: Elena Lugliesi, Maria Chiara D'Iorio

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI