Campionato di Giornalismo la Nazione

E’ cambiata la musica

LA MUSICA è da sempre un elemento molto importante nella vita degli adolescenti. Tuttavia, nel corso del tempo, il mondo musicale si è costantemente evoluto, a talpunto da risultare molto diverso da quello del secolo scorso sotto diversi punti di vista. A partire dagli anni ’80, il mondo della musica si è sempre più legato a quello del merchandising; infatti, l’interesse economico per i prodotti musicali è cresciuto progressivamente fino ad oggi e le differenze col passato sono evidenti: basti pensare al costo di un biglietto per un concerto dei Coldplay, che è notevolmente superiore a quello di un biglietto per un concerto di un gruppo come i Pink Floyd, negli anni ’70. CIÒ che ha permesso e permette ancora oggi di sostenere questo vero e proprio business è sicuramente: lo sviluppo della tecnologia. Infatti, gli smartphone e i computer di oggi, accessibili alla maggior parte della popolazione o semplicemente i televisori, permettono, al mondo intero, di mantenere una costante comunicazione con il proprio gruppo o cantante preferito. Oggi la bravura del cantante o del gruppo in sé riveste un ruolo appena marginale, e ciò è testimoniato dal fatto che i cantanti, più di tendenza del momento, non trattano generi musicali elaborati e sofisticati, ma si limitano a uno stile semplice e a testi per lo più brevi e dal significato immediato, producendo quindi quella che viene definita “musica commerciale”. UN PUNTO in comune tra la musica dei decenni precedenti e quella attuale c’è e riguarda una vera e propria necessità primaria dell’uomo verso le armonie sonore; di base, infatti, la musica è sempre stata indispensabile, poiché, indipendentemente dal genere in questione, riesce a trasmettere forti emozioni a chi la ascolta, sia per la melodia che per il testo. LA MUSICA di oggi per molte persone è vista come “musica di strada” dando un’accezione negativa quindi proprio ai giovani che la cantano. Per noi non è così, perché per esempio nella canzone “uno squillo” di Capo Plaza il significato è diretto e chiaro come nella frase del ritornello “ma credimi per te farei del male” dove noi ritroviamo la purezza di un sentimento. La trap è caratterizzata da basi elettroniche, uso dell’autotune e suoni di ogni tipo ed esiste già da 20 anni; nata nel sud degli Usa, in Georgia, ha un’origine malfamata e racconta le vite dei rapper. Esistono però anche canzoni popolari di impegno civile molto ritmate come quelle di Luca Bassanese, dove noi giovani ci riconosciamo, perché mettono energia dentro e nello stesso tempo ci inviano dei messaggi su cui riflettere.

Classe 3D - Tutor: Maria Vittoria Nardini

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI