Campionato di Giornalismo la Nazione

Da 160 anni cammina con noi

DAL 1859 la Nazione si interessa del territorio senese. Infatti sin dal suo numero zero compare una notizia su Siena la cui storia è stata seguita fino ad oggi. Ad esempio spulciandone le pagine si scopre tra gli articoli del giorno 3 gennaio del 1900 che Landi Quirino fu ferito gravemente a Gaiole e il 31 dicembre morì nel policlinico. Nel frattempo il Mutuo Soccorso fra gli operai festeggiò il suo 30esimo anniversario di Fondazione. Oppure ricordiamo la cronaca del 1° dicembre 1909: sul giornale compare una colonna che parla del teatro di Siena, nella quale viene citato un concerto del trio senese composto da: un violinista, un violoncellista, un pianista. Nella stessa colonna si parla del maestro Batta Pollini che aveva scritto un’ operetta dal titolo ‘Il matrimonio di quarta pagina’ che stava avendo un certo successo. Lo stesso giorno all’ospedale, invece, vennero medicati due signori feriti sul lavoro e un quindicenne caduto dalla bicicletta. C’è addirittura riportata l’ approvazione di una piattaforma per il deposito di locomotive. Nello stesso numero largo spazio è dedicato ad un fatto molto grave accaduto a Piancastagnaio che vede alla sbarra anche dei carabinieri. Il 3 luglio 1912 ci ha stupito molto trovare un articolo che parla del Teatro Ravvivati Costanti (l’attuale cinema Politeama di Poggibonsi) dove il 30 giugno si era tenuta una conferenza di Giovanni Borelli dal titolo “Pro espulsi dalla Turchia”, alla quale avevano aderito tutte le associazioni cittadine. Partecipò anche il corpo musicale ‘G. Verdi’ che dette in beneficenza agli espulsi il ricavato del concerto. Lo stesso giorno viene dato spazio al Palio corso il giorno prima. Volete sapere che vinse? La vostra curiosità è presto soddisfatta: il Bruco. Altre notizie a tal proposito? Il fantino della Civetta cadde ma non si fece gran male. Su “La Nazione” non poteva mancare il commento al terribile bombardamento che il 23 gennaio del 1944 colpì il capoluogo di provincia, che appare anche un po’ stravagante perché attribuisce la caduta di bombe sulla basilica dell’Osservanza non ad un errore ma ad un atto deliberato voluto dagli anglicani contro la chiesa romana. Notizie grandi e piccole che ci raccontano 160 anni della nostra storia. Dal luglio 1859 di strada ne è stata percorsa tanta ed il quotidiano con sede a Firenze si è posto sempre più vicino alla nostra provincia; dal 1974, infatti, esiste una vera e propria redazione a Siena e le sono dedicate molte pagine. Addirittura dal 1987 è iniziata ad uscire la pagina su Poggibonsi.

Classe 3F

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI