Campionato di Giornalismo la Nazione

Aiuto da anziani e immigrati

NONOSTANTE Larciano sia un piccolo comune abitato da poco più di 6000 persone, non manca di risorse, non solo economiche o materiali, ma anche umane: anziani e immigrati. Gli anziani, ci dicono i dati statistici, sono aumentati: quelli vicini ai 70 anni di età si aggirano intorno al 12,6% della popolazione. Spesso vengono considerati un peso, ma non per noi! Sono i nostri nonni e bisnonni che, come dice Davide, sono un po’ come i libri di storia perché ci raccontano di quando erano giovani e il mondo era diverso, mantenendo così viva la memoria del passato e trasmettendoci insegnamenti e valori che altrimenti andrebbero perduti. Rappresentano una risorsa culturale anche perché custodi di antichi mestieri; il nonno di Iris, il signor Cesare le ha raccontato che con il sarello intrecciato fanno vari oggetti tra cui borse per la spesa e impagliature delle sedie. Gli anziani sono importanti perché contribuiscono all’organizzazione familiare: chi viene a riprenderci a scuola o si occupa di noi quando i genitori sono a lavoro? Ci aiutano ad attraversare la strada davanti alla scuola, ci invogliano a frequentare la biblioteca, ci accompagnano a praticare attività di svago e sport. Molti di loro aderiscono al volontariato e collaborano con la parrocchia organizzando iniziative che rendono vivo il paese. Fanno attività di vigilanza della fauna selvatica come guardiacaccia o cacciatori. UN’ALTRA importante risorsa umana sono gli immigrati: provengono in gran parte dalla Romania e dall’Albania e rappresentano circa il 10% della popolazione. Sono più prolifici dei larcianesi e così ringiovaniscono il paese, con il loro lavoro contribuiranno a pagare le pensioni, svolgono lavori rifiutati dai compaesani, come quelli nei campi, nell’edilizia e nell’assistenza alla persona. Sono ben inseriti nel tessuto sociale della nostra comunità e anche quelli che praticano una diversa religione e mantengono le loro usanze, sono rispettosi delle nostre. Non dimentichiamo che l’incontro tra culture differenti è un arricchimento per tutti. Lo sappiamo bene noi ragazzi che abbiamo diversi compagni di classe stranieri che con il loro esempio ci trasmettono senso del dovere e del sacrificio e l’importanza dello studio. Sì, perché i loro genitori, non sono così permissivi come i nostri e consentono loro di maturare questi valori. Per noi tutto ha un prezzo, basta pagare, mentre per loro il prezzo non è il valore economico ma sono i frutti di quelle capacità presenti in ognuno di noi e che è faticoso coltivare. Le loro tradizioni e il loro modo di sorridere alla vita dovrebbero rappresentare per noi un importante insegnamento.

Classe 3A, 3B

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI