Campionato di Giornalismo la Nazione

Studenti scrivono al sindaco

GIOVEDÌ 15 marzo gli alunni di sei classi della scuola Salvemini - La Pira si sono riuniti in sala Banti a Montemurlo per il progetto “I giovani sentinelle della legalità’ promosso dalla Fondazione Antonino Caponnetto. Il progetto è strutturato in due fasi e una Conferenza finale, che si terrà a Prato il 4 maggio. Durante la prima, ogni singola classe ha discusso riguardo ai temi da presentare; poi gli alunni hanno eletto tre rappresentanti che, uniti a quelli delle altre classi in un’assemblea, hanno stabilito quello da proporre all’amministrazione comunale. È stato così concordato di lavorare sulla semplificazione della Costituzione italiana e di scrivere due lettere, una indirizzata al dirigente con alcune richieste relative alla scuola, e l’altra all’amministrazione per proporre alcuni miglioramenti sul territorio o nell’istituto come ad esempio la risistemazione delle pensiline delle fermate dell’autobus, alcune criticità della viabilità o la mancanza di un regolatore di calore all’interno delle aule. La seconda fase ha visto i ragazzi discutere e confrontarsi in sala Banti alla presenza, per il Comune di Montemurlo, dell’assessora Rossella De Masi, del dirigente scolastico dell’istituto, il professor Paolo Calusi e del Responsabile Regionale del progetto scuola della Fondazione, il Sergio Tamborrino. Dopo aver descritto le fasi del processo partecipato, gli alunni hanno illustrato alcuni articoli semplificati della Costituzione e hanno spiegato le motivazioni che hanno portato a questo lavoro: si è infatti sentita la necessità in quest’anno, in cui ricorre il settantesimo della sua entrata in vigore, di semplificare il linguaggio tecnico della nostra Costituzione per renderlo più comprensibile sia ai cittadini sia ai compagni di origine straniera. Così, lavorando in gruppi, sono stati trasformati alcuni articoli. Nel suo intervento l’assessora De Masi ha ricordato come il dialogo dei giovani con l’amministrazione sia proficuo e ricco di sollecitazioni e riflessioni, e ha auspicato che ci siano sempre nuove occasioni di confronto. Poi, dopo aver ascoltato la lettera scritta dai ragazzi, ha risposto punto per punto alle osservazioni fatte e in conclusione ha dichiarato la disponibilità dell’amministrazione a realizzare il volume sulla Costituzione semplificata che gli studenti hanno in mente di creare. Anche il dirigente ha risposto alle richieste, ha ringraziato i ragazzi, gli insegnanti e la Fondazione per questo percorso di educazione alla legalità e anche lui ha incitato a proseguire. Tutti i partecipanti, soddisfatti dell’incontro, si sono dati appuntamento al 4 maggio, quando si ritroveranno con le altre scuole di Prato per scambiare le rispettive esperienze, promuovere le proprie e condividere quelle degli altri nello spirito del progetto.

Classe 3F

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI