Campionato di Giornalismo la Nazione

Piombino, città del futuro

PIOMBINO è candidata al titolo di Città Europea dello Sport 2020. Invierà il progetto ad Aces Europe, Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport. Ne parliamo con il sindaco Massimo Giuliani. Sindaco, quali ricchezze da riscoprire nel nostro territorio? «Piombino ha una lunga storia da raccontare; il nostro promontorio possiede straordinarie ricchezze ambientali e paesaggistiche; dalle campagne provengono eccellenze enogastronomiche. Tra le nostre ricchezze c’è soprattutto quella cultura del lavoro che ha fatto di Piombino una delle città dove più si è lottato per la costruzione di una coscienza civile fondata sul senso di appartenenza alla comunità». Cosa occorre perché metta a frutto le proprie ricchezze? «Una programmazione urbanistica che permetta lo sviluppo della piccola- media impresa; potenziamento delle strade e ferrovie, una linea Internet veloce e collegamenti satellitari; cambiamento di mentalità». A proposito di ricettività, in che modo si pensa di incrementarla? «Alcune strutture esistenti sono in espansione, inoltre stiamo valutando di ampliare il B&B con un abbassamento delle imposte comunali sulle case destinate all’accoglienza turistica; verrà introdotto il sistema dell’ albergo diffuso. E’ quasi pronto il tracciato dell’Anello etrusco, una gara podistica che si svolgerà nel parco archeologico, da inserire in un più ampio circuito nazionale. A settembre, si terrà il tentativo di superamento del Record di immersione in apnea da parte di Stefano Makula e la Rai farà una diretta nazionale ». «DEelveopniosetessceircelasibcuilri?e, non costruite in maniera posticcia, togliendo spazio alla normale viabilità. Abbiamo aderito al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums), promosso dal Ministero dell’Ambiente a livello nazionale. Stiamo sistemando un tratto molto importante della Ciclopista Tirrenica: 1200 chilometri di vie ciclabili da Ventimiglia a Roma, passando anche per la Costa Est». La candidatura a Città Europea dello Sport 2020 migliorerà gli impianti sportivi cittadini? «Vogliamo cogliere quest’occasione per far crescere la città, in termini di cultura sportiva e impiantistica. Abbiamo già fondi che sono in uso per il rifacimento dei 3 palazzetti e della palestra del Perticale. Il Comune intende partecipare al Bando ‘Coni: Sport e periferie’, che stanzierà 800.000 euro per la costruzione di una palestra di ginnastica artistica». Le notizie della ripresa dell’acciaieria rischiano di fermare la Città dello sport? «Assolutamente no. Fare l’acciaio non significa fermare nessun’altra attività in città. Stare uniti nello sport può insegnare a stare più compatti e uniti anche sulle questioni del lavoro. Lo sport è una bandiera intorno alla quale metterci insieme, per rafforzare il senso di appartenenza alla comunità, la correttezza e il rispetto verso gli altri».

Classe 2A

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI