Campionato di Giornalismo la Nazione

Lo smartphone ai minori

LA MAGGIORANZA dei genitori dicono che i minorenni non dovrebbero avere un telefono così avanzato come lo smartphone ma dovrebbero avere solo uno strumento capace di contattare qualcuno in caso di emergenza. Esistono già varie proposte di legge in merito, ad esempio quella presentata in Irlanda prevede il divieto di vendita di smartphone a minori di 14 anni e la sanzione per i genitori che permettono ai propri figli di navigare online in solitudine e senza accompagnamento e presidio educativo. In Giappone, il sindaco di Kariya, aveva posto il divieto di utilizzo dello smartphone dopo le 21.00 ai 13.000 minori residenti, di età compresa tra i 6 e i 15 anni, mentre quest’anno il gruppo Parents Against Underage Smartphones (Genitori contro gli smartphone ai minorenni) sta, sempre più raccogliendo pareri favorevoli, negli Stati Uniti. Due anni fa l’American Academy of Paeditrics (Accademia americana di pediatria) ha individuato, per smartphone e tablet tra i 2 e i 5 anni, il limite di utilizzo giornaliero in un’ora, fornendo regole familiari inderogabili sull’uso dello stesso dai 6 anni in su. I RAGAZZI di oggi passano veramente troppo tempo sui cellulari perché amano le applicazioni Snapchat, Instagram, meno Facebook, considerato da “vecchi”... queste pratiche possono anche contenere cose inappropriate per la loro età e possono anche far male alla salute. Youtube, ad esempio, potrebbe essere anche una delle applicazioni piu' inappropriate: puoi guardarci qualunque cosa cerchi. Ci fosse la possibilità di avere accesso a una sezione per i grandi e una per i più piccoli, sarebbe meglio ma ancora nessuno lo ha fatto. I ragazzi considerano, invece, tutte queste applicazioni un altro modo per socializzare, mentre i più grandi non hanno la stessa idea... Windows, Iphone, Google, Samsung, Huawey, smartphone... pare molto facile annegare in tutti questi nuovi termini. I cellulari possono anche costare molti soldi e quando un figlio chiede se ne può avere uno oppure se può avere l’ultimo modello di moda, mette i genitori un po’ a disagio. Può succedere che i gruppi di Whatsapp siano usati per escludere o indirizzare offese, sì, di gruppo nei confronti di un singolo. Un uso condannabile della nuova tecnologia che si chiama cyberbullismo. I TELEFONI possono anche essere un oggetto da esibire. Per esempio chi ha il telefono più grande e più costoso è più importante, forse a questa età, è proprio sbagliato avere un telefono così caro. Ma il telefono può essere molto utile se vuoi scattere una foto o fare un video; con il telefono prendi e scatti mentre con la fotocamera o la telecamera è più complicato anche se la resa è migliore. Dipende, insomma, che cosa si vuol fare. Sì al telefono, dunque, ma adatto all’età, a piccole dosi giornaliere e per usi costruttivi. Attenzione e occhi aperti perché i mari di questa navigazione spesso sono sconosciuti e pericolosi.

Classe 1A

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI