Campionato di Giornalismo la Nazione

La scienza è per tutti?

LA SCIENZA è per tutti coloro che sanno e hanno bisogno di seguire i propri sogni: certo la scienza, un sistema di apprendimento ottenuto con un’attività di ricerca che ha da sempre interessato moltissime menti è il risultato di migliaia di studi, che ci hanno condotto fino a qui. Ed è da qui che parte il concetto di divulgazione scientifica, cioè il concetto di rivolgersi non più ad un piccolo gruppo di persone, ma ad una cerchia più ampia. Con l’avanzare della tecnologia siamo infatti riusciti sempre più ad avere l’accesso ad una quantità praticamente illimitata di informazioni. Quindi alla domanda, la scienza è per tutti, si può rispondere solo con un grande Sì. C’è anche da dire che ovviamente la passione non basta ma può comunque darti una marcia in più per poi arrivare lontano… non solo con la mente… ma anche con il cuore. SEMPRE più spesso, infatti, veniamo catapultati in idee di scienziati che possono trasmettere sentimenti coinvolgenti, ma ciò che non avviene più frequentemente è il farsi trasportare in tutte queste sensazioni che ti possono far intraprendere qualcosa all’apparenza magico. Ciò nonostante dobbiamo tenere in considerazione di dover esprimere a chiunque concetti molto complessi e abbiamo quindi bisogno di semplificarli. IL GRANDE astrofisico britannico Stephen Williams Hawking ne era una dimostrazione. Era infatti riuscito a spiegare a qualsiasi persona le sue idee. E così che la scienza è arrivata fino a noi, illuminando il buio della nostra ignoranza. Oggi ci sembra normale, basta accedere ad un computer e cercare le informazioni desiderate su internet. Non è sempre stato così, purtroppo, la scienza era solo apprezzata da una ristretta cerchia di persone, il resto, per quanto capace potesse essere, ne restava escluso. Possiamo paragonare questo concetto ad un iceberg: è immerso per nove decimi nel mare. Quello che noi vediamo è solo una piccola parte, la punta. Sappiamo dell’esistenza di una seconda, sommersa dall’acqua, ma non siamo in grado né di vederla né ci interessa. È riservata a menti illuminate, che comprendono questo mondo, menti come quella di Stephen.

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI