Campionato di Giornalismo la Nazione

Sconosciuta adolescenza

L’ADOLESCENZA è, secondo quanto riportato dal dizionario Treccani, « il periodo di transizione tra l’infanzia e l’inizio della vita adulta. Durante questa fase dello sviluppo umano, avvengono importanti cambiamenti che riguardano sia la sfera fisica, quella fisiologica e quella psicologica e che portano l’individuo ad acquisire particolari caratteristiche». PERTANTO l’adolescenza, che va all’incirca dagli undici ai diciotto anni, è un momento delicato, è un’età problematica e complessa per vari motivi, sintetizzando: cambiamento della propria immagine e variazione dell’umore. Il comportamento di noi ragazzi, in questo caso della scuola secondaria di primo grado, oscilla tra una condotta adulta e un atteggiamento infantile; in questa fascia di età abbiamo la voglia di acquisire maggiore indipendenza che porta a provare nuove emozioni che però, in alcuni casi, potrebbero diventare delusioni con conseguenti cambiamenti dell’umore. Il rapporto tra adulti e ragazzi è complicato poiché gli adolescenti vengono accusati dai primi di essere superficiali per cose che loro ritengono completamente normali, come il voler provare a fare esperienze ‘proibite’. La comunicazione con gli adulti nel periodo adolescenziale si riduce molto poiché gli adolescenti hanno un pensiero fisso ossia che gli altri non li capiscano; per questo il rapporto tra le due diverse generazioni si limita a discussioni in cui il ragazzo cerca di prevalere sull’adulto che non può accettare questa situazione e ne deriva uno scontro. Questa relazione conflittuale è data anche dalla differenza di età dal momento che ovviamente l’adulto ha vissuto la sua adolescenza in un altro periodo e spesso ne ha dimenticato gli stati d’animo. La maggior parte delle volte i ragazzi tendono a non raccontare e a non esprimersi con la propria famiglia, cercando di risolvere i propri problemi senza far intromettere nessun altro. Questo ‘non confidasi’ può provocare atteggiamenti introversi e scontrosi che spesso non vengono capiti da chi sta loro intorno. UN ALTRO aspetto dell’adolescenza è il cambiamento del corpo che avviene grazie ad una particolare sostanza che viene prodotta da alcune ghiandole del nostro organismo. Le ragazze iniziano a svilupparsi intorno agli 11-12 anni mentre i ragazzi ci mettono un anno in più (12-13). Durante la crescita il corpo cambia di statura per preparare il ragazzo allo sviluppo. L’adolescenza a noi che la viviamo appare come un percorso in salita, troppo complesso per generalizzare, ma coincide con la perdita della spensieratezza e l’acquisizione della nostra identità.

Classe 3A

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI