Campionato di Giornalismo la Nazione

Le nuove classi senza aule

COME nei college U.S.A. (vedi l’articolo di spalla), la scuola secondaria di primo grado “Francesco Granacci” dell’Istituto Comprensivo Teresa Mattei di Bagno a Ripoli ha adottato il progetto “Classi senza aule”: questo progetto consiste in una scuola dove gli alunni si spostano da un’aula all’altra, mentre il docente rimane nel suo “studio attrezzato”. Lo scopo del progetto è quello di rinnovare i metodi di insegnamento partendo dall’organizzazione degli spazi e dei materiali per l’apprendimento: quelli tradizionali sono stati affiancati e a volte sostituiti da supporti digitali. La lezione frontale, quella in cui il professore spiega e la classe ascolta, per noi ragazzi spesso risulta poco efficace e stimolante: con la nuova organizzazione si potranno realizzare modalità di insegnamento diverse e più coinvolgenti, in cui noi studenti partecipiamo più attivamente attraverso laboratori, giochi, uso degli strumenti informatici e lavori di gruppo. Inoltre, sarebbe utile avere uno spazio e dei docenti a disposizione per approfondire o ripassare argomenti che non si sono ben capiti. Anche i corridoi saranno spazi importanti, vissuti come ambienti intermedi per l’incontro formale e informale tra alunni e docenti e costituiranno veri e propri punti di appoggio per gli studenti: saranno infatti attrezzati con armadietti dove i ragazzi potranno depositare anche i loro oggetti personali (cellulari compresi!). Magari vi potremmo trovare anche distributori per l’acqua, per le merende e divanetti dove sostare piacevolmente durante la ricreazione: allora sì che la scuola per noi alunni diventerebbe un luogo confortevole e a misura di ragazzo! La Dirigente Scolastica, dottoressa Amalia Bergamasco, ci ha informato che questo progetto è stato approvato da tutto il collegio dei docenti ed è sostenuto dal Comune di Bagno a Ripoli che metterà a disposizione i finanziamenti necessari. Ci ha anche spiegato che “Classi senza aule” nasce dall’esigenza di rinnovare il metodo educativo e invogliare i ragazzi alle nuove tecnologie. Ogni aula sarà attrezzata con strumenti propri della materia insegnata per studiare in un ambiente più stimolante e più accogliente per tutti e si lavorerà in gruppi includendo tutti. IL CAMBIAMENTO sarà realizzato a piccoli passi: dall’anno prossimo saranno installati gli armadietti e, in un futuro, ogni studente potrà avere il proprio tablet. Anche il giardino verrà ristrutturato: verranno messe attrezzature sportive, ad esempio canestri da basket, e sarà rinnovata la pista d’atletica. Certo, non mancheranno le difficoltà e i momenti critici, ma quanto sta per realizzarsi è una vera e propria rivoluzione didattica!

Classe 2B - Tutor: Laura Meini

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI