Campionato di Giornalismo la Nazione

Idea vola sempre più in alto

A VOLTE si comincia a praticare uno sport da bambini non tanto per convinzione personale quanto per seguire quello che fanno gli amici, altre volte invece perché seguiamo le indicazioni dei genitori in quanto era lo stesso sport che praticavano essi stessi in gioventù ed è proprio questo il caso della giovanissima protagonista di questo articolo: Idea Pieroni, campionessa nazionale di salto in alto nella categoria allieve e terzo posto assoluto e prima atleta italiana nella sua prima gara internazionale a Nantes con un salto di 1.74. IDEA è una ragazza che ha frequentato la nostra scuola media fino a due anni fa e attualmente frequenta la seconda classe del Liceo sportivo presso l’Istituto Fermi, a Lucca. Il suo percorso sportivo è sempre stato in ascesa, potremmo dire come la sua disciplina sportiva: il salto in alto. Ma per conoscere meglio la sua storia l’abbiamo invitata a tornare per un giorno nella nostra scuola, per parlarci della sua straordinaria avventura nel mondo dello sport, lei ha accolto subito il nostro invito e ben volentieri ha risposto alle nostre domande. A che età hai cominciato a praticare sport? «Ho cominciato a praticare atletica all’età di sei anni, seguendo le indicazioni di mia madre, ma a me non piaceva perché preferivo praticare un altro sport, ovvero la pallavolo. Tuttavia continuai a fare atletica con altri bambini a Barga nei corsi comunali, facendo anche danza acrobatica; poi per un anno smisi perché non ero molto coordinata ed iniziai a fare nuoto». Quando hai cominciato a capire che il salto in alto era veramente la tua disciplina sportiva? «Col passare del tempo atletica cominciava a piacermi e riuscivo anche abbastanza bene nel salto in lungo, ma posso dire che è dalla prima media che lo pratico in modo costante. Durante le ore di educazione fisica, mentre provavo varie discipline di atletica, il professor Cosimini notò che saltavo piuttosto in alto e da quel momento cominciai a dedicarmi più frequentemente negli allenamenti successivi al salto in alto, cominciando ad ottenere nelle varie gare dei giochi studenteschi cui mi faceva partecipare, buoni risultati. Ricordo che nella prima gara nel 2013, saltai 1.20 arrivando settima e da quel giorno ho sempre continuato ad allenarmi per migliorarmi in questa disciplina. L’anno successivo arrivai seconda, saltando 1.34». Da quel momento Idea è andata sempre migliorando finché, dopo la vittoria ad ottobre 2017 a Cles (Trento) ai campionati italiani Cadetti e Cadette, dove ha raggiunto 1.73, stabilendo il nuovo record toscano di categoria, è arrivata la convocazione per le nazionali di Ancona, dove ha ottenuto la medaglia d’oro, saltando 1.76 nella categoria allievi. Ci ha detto infine che proprio pochi giorni prima del nostro incontro era stata convocata dalla nazionale italiana under 20 proprio per partecipare al triangolare a Nantes tra Germania, Francia e Italia.

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI