Campionato di Giornalismo la Nazione

Noi abbiamo tante idee

«PROFESSORESSA abbiamo tante, tantissime idee per un supermercato tutto nuovo e tecnologico!» «Ragazzi, raggruppiamo le idee che avete…e raccontatemele». Così è iniziata la discussione in classe sul tema «Il supermercato come lo vorrei». Solo qualche anno fa si ipotizzava la fine dei negozi tradizionali, prevedendo che in breve tempo sarebbero stati sostituiti dalle vendite online, capaci di offrire prezzi più bassi, offerta più ampia e nuovi servizi più vicini alle esigenze dei consumatori come lo è già per le famiglie, il portale Amazon.Ma se la tecnologia e l’innovazione si potessero portare anche all’interno dei piccoli supermercati e negozi? E se davvero i nostri ragazzi potessero contribuire con tante idee per realizzarlo? Abbiamo fatto delle ricerche in classe ed abbiamo saputo che a Milano, esiste un nuovo negozio dove si fa la spesa interattiva, toccando uno scherzo e visualizzando in un attimo tutte le caratteristiche del prodotto che si sta comprando, Il «Supermercato del futuro», che si sviluppa su circa mille metri quadri di area vendita, affiancata da uno spazio ristorazione. L’«anima» tecnologica è costituita dalle «vele», ossia una serie di 54 monitor in grado di presentare un’«etichetta aumentata» dei prodotti. Basta toccare l’alimento per ottenere sugli schermi informazioni aggiuntive sull’origine delle materie prime. Ci sono poi 46 totem touch, dotati di scanner per visualizzare le informazioni (ad esempio gli allergeni, l’impatto ambientale o anche una ricetta) di tutti i prodotti in vendita. Tra i servizi gratuiti offerti c’è la possibilità di ordinare la spesa on line e ritirarla dopo due ore in negozio nell’area parcheggio, senza scendere dalla propria auto. E così noi ragazzi ci siamo detti: «E se la Conad facesse un Supermercato così come lo vogliamo noi?» «Un supermercato con un’area grande con tanti giochi, schermi, oppure un punto ascolto musica così che mentre i nostri genitori fanno spesa noi possiamo goderci un momento di relax (Cecilia, Ulisse, Mattia, Daria, Pietro)?» «Un supermercato in cui al posto dei Carrelli ci fossero dei robot che ci aiutassero a scegliere i prodotti piu’ salutari» (Giacomo, Teo, Samuele). «Un supermercato che eliminasse gli OGM, la frutta e verdura importati, che avesse prodotti tipici, buoni e magari con una signora, una nonna, che ci insegni a cucinarli anche sul posto, dandoci ricette interessanti» (Sofia, Alberto, Caterina). «Un supermercato dove la frutta fosse maturata sugli alberi anziché nelle celle frigorifere. Non importa di avere le fragole a febbraio o gli ananas a luglio se il loro sapore non è buono. Meglio avere la frutta a km0, che è più saporita, come quella che si compra sul banchino dell’ortolano che quella modificata dall’uomo»(Joao).

Classe 2A - Tutor: Monica Docci

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI