Campionato di Giornalismo la Nazione

Il supermarket che vorremmo

CAMBIANO i tempi, innovazione e tecnologia diventano sempre più protagoniste, rivoluzionando anche i consumi e il nostro modo di fare la spesa. Le botteghe di paese, in cui si andava per comprare gli alimenti basilari, come olio, pasta, riso, zucchero e biscotti per il caffelatte, sono quasi un ricordo lontano, che riaffiora dai racconti nostalgici dei nostri nonni. “Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte…”, diceva Gianni Morandi in una sua celebre canzone. Chissà cosa pensa il vecchio lattaio sotto casa, vedendo la grande varietà di confezioni presenti oggi nei supermercati: “ad alta digeribilità”, “senza lattosio”, “microfiltrato e pastorizzato”… ce n’è per tutti i gusti. Gli scaffali forniscono un assortimento illimitato di prodotti, seguendo le diverse esigenze e i nuovi stili di vita dei consumatori e, tra cibi integrali e biologici, prodotti salutisti e gluten free, l’imbarazzo della scelta è assicurato. Per non parlare dell’avvento dell’e-commerce, gli acquisti online, che fanno ormai parte del nostro quotidiano e ci consentono di avere direttamente a casa la merce di cui abbiamo bisogno, semplicemente con un “click”. Se tutto questo è avvenuto nel giro di pochi decenni, come sarà la spesa del domani? Si parla di supermercati in cui sarà possibile evitare le code alla cassa; con carrelli virtuali, ambienti sempre più spaziosi e dotati di ogni comfort, prodotti stravaganti e innovativi. Se fossimo noi a progettarlo, il punto vendita del futuro sarebbe un po’ diverso: al primo posto metteremmo l’attenzione verso la salute e il rispetto per l’ambiente; con spazio sempre maggiore agli alimenti biologici, ai prodotti ecosostenibili e uso di materiali riciclati, che sostituiscano gli imballaggi in plastica; in secondo luogo la tracciabilità e la trasparenza dei prodotti, perché i consumatori abbiano una corretta informazione sulla loro provenienza e qualità. Tutto questo senza mai dimenticare la valorizzazione del nostro territorio, con la tutela delle sue tradizioni e di tutti i suoi tesori gastronomici. Nel supermercato del futuro fare la spesa dovrebbe rappresentare un vero e proprio piacere, per la presenza di servizi esclusivi, come il ritorno al rapporto diretto e di fiducia con il salumiere, con il macellaio e con gli operatori del reparto ortofrutta e pescheria. Infine, bisognerebbe impegnarsi per ridurre lo spreco dei prodotti alimentari invenduti e far sì che, le tonnellate di cibo buttate ogni giorno nella spazzatura, si trasformassero in solidarietà verso le migliaia di persone che, quotidianamente, muoiono di fame.

Classe 2A

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI