Campionato di Giornalismo la Nazione

Sai cosa è l’autismo?

L’AUTISMO, o meglio definito come disturbo dello spettro autistico, è un’alterazione del neurosviluppo, che si manifesta con disturbi dell’interazione sociale, della comunicazione e della comprensione di idee e sentimenti. L’autismo fu diagnosticato per la prima volta in un articolo nel 1943 da Leo Kanner, uno psichiatra austriaco emigrato in America. Individuò l’autismo in un gruppo di undici bambini che presentavano una generalizzata e incapacità di comunicare. Tre di essi erano muti. Kanner fu il primo a parlare di una sindrome specifica, mentre la parola autismo la utilizzò un altro psichiatra per definire schizzofrenia da parte di alcuni adulti. L’AUTISMO è una sindrome diffusa in un bambino su 1000 e si manifesta prevalentemente nei maschi con un rapporto tra maschi e femmine di 4:1. Esordisce entro il terzo anno di vita e altera la crescita del sistema comunicativo, verbale e non verbale, la vita di relazione e comporta limitazione negli interessi e attività ripetitive e stereotipate. Al momento non si conoscono le cause, ma molti esperti concordano sul fatto che sono coinvolti fattori genetici e ambientali. AD OGGI L’ANALISI genetica non è riuscita a provare l’evidenza del coinvolgimento di un solo gene come causa dell’autismo e vi è consenso nell’indicare un’origine genetica complessa, caratterizzata dal coinvolgimento di molti geni. Tra i fattori ambientali, alcune ricerche hanno indicato che i virus possono invece essere collegati con l’autismo, come ad esempio l’encefalite causata dal morbillo. La diagnosi è basata su test comportamentali, poichè non esistono indagini di laboratorio e strumentali che permettano di confermare il sospetto clinico. I sintomi sono rappresentati da : -Compromissioni qualitative dell’ interazione sociale -Modalità di comportamento, interessi e attività ristretti, ripetitivi e stereotipati -Deficit nel linguaggio e nelle abilità sociali. Il bambino ha difficoltà a chiedere cosa desidera, non esegue le indicazioni date, non risponde al suo nome, ha un linguaggio ritardato, ha apparente mancanza di udito, non indica e tende ad isolarsi. Può avere alterazioni motorie, mancanza di contatto oculare e assenza del sorriso. PER GARANTIRE la tutela dei diritti delle persone autistiche, nel 2002 è stato stabilito, il 2 aprile come giornata mondiale dell’autismo e il 3 Marzo 2009, la convenzione ONU ha riconosciuto il diritto alle cure per le persone disabili in particolare ai soggetti affetti d’autismo che spesso venivano trascurati.

Classe 2B

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI