Campionato di Giornalismo la Nazione

Nascosti dietro la sigaretta

AL MONDO d’oggi trovarsi davanti ragazzi e ragazze che fumano è sempre piu frequente. E questi ragazzi e ragazze sono sempre più giovani, hanno anche 11 e 12 anni nonostante la vendita delle sigarette sia vietata ai minori. Eppure che il fumo faccia male è risaputo, sui pacchetti di sigarette sono presenti immagini forti che mostrano le conseguenze del fumo sulla salute. Infatti il fumo provoca numerose malattie come asma, bronchite cronica, polmonite, sterilità maschile e femminile, leucemia, malattie cardiache e tumori a diversi organi in particolare ai polmoni. E il tumore ai polmoni è fra le prime cause di morte. Ma se gli adulti continuano a fumare, malgrado siano bene informati sui danni del fumo, non c’è da meravigliarsi dei giovani che sono meno consapevoli dei pericoli. Come si può ricavare dal sondaggio che abbiamo realizzato a scuola, ben il 51% degli intervistati ha almeno un famigliare che fuma e se i genitori fumano, è molto più facile iniziare dal momento che appare normale. Bisogna però dire che negli ultimi anni si assiste ad una diminuzione del fumo tra gli adulti, ma questo purtroppo non ha influenzato positivamente i giovani fumatori. Per quale motivo ragazzi e ragazze della nostra età o poco più grandi fumano? Ne abbiamo discusso insieme e ci siamo trovati tutti d’accordo sul fatto che le motivazioni principali sono sentirsi grandi, farsi notare dai coetanei, essere accettati dal gruppo. E così molto spesso fumare diventa un modo per superare l’insicurezza e la timidezza tipiche di un’età complicata come l’adolescenza. Abbiamo poi riflettuto sulle possibili soluzioni per prevenire la diffusione del fumo tra i giovani. La prima cosa da fare per contrastare questo fenomeno è sicuramente informare: si potrebbero organizzare campagne scolastiche antifumo nelle quali sarebbe utile la presenza di esperti che espongano i danni del fumo anche attraverso video e immagini sulle gravi malattie che provoca. Ma noi sappiamo bene, perché lo sperimentiamo tutti i giorni a casa e a scuola, che le informazioni fornite dagli adulti, le loro prediche non sempre ci bastano. Il messaggio è più efficace se siamo noi, o ragazzi come noi, i protagonisti. Allora ci vorrebbero testimonianze di giovani che raccontano la loro esperienza con il fumo, cosa li ha spinti ad iniziare e cosa a smettere. Fondamentali poi sono le discussioni e i dibattiti in classe, ma ancora più incisivo (e anche divertente) realizzare brevi video o anche articoli di giornale come questo. E siccome a noi ragazzi piace la competizione perché non proporre un concorso per premiare le idee migliori e più efficaci?

Classe 2D

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI