Campionato di Giornalismo la Nazione

Mosaico: dai banchi a Luni

SEMPRE tante sono le iniziative proposte dalla scuola Secondaria di I grado di Luni ai propri studenti. In primo piano questa volta l’arte e a rendere ancor più interessante il progetto è la partecipazione dello stimato professor Roberto Falcinelli. Gli alunni, ormai da qualche mese, stanno seguendo, in orario extrascolastico, il giovedì pomeriggio, un laboratorio di mosaico. IL MOSAICO è una composizione pittorica che si ottiene mediante l’utilizzo di frammenti di diversi tipi di materiali (ciottoli, ceramica smaltata, tessere di marmo o di pasta di vetro) e colore, che può essere anche decorata con oro e pietre preziose. Non è facile stabilire con precisione l’origine del termine «mosaico»: alcuni lo fanno derivare dal greco musaikòn, «opera paziente degna delle Muse «; altri dal latino opus musivum, cioè «opera delle Muse». L’uomo, da sempre, ha manifestato una naturale inclinazione a decorare architetture o suppellettili. Insomma, a lezioni di teoria su cos’è un mosaico, come si fa, gli attrezzi da utilizzare come la «martellina, speciale martello con due facce uguali, sono seguite lezioni pratiche. Particolarmente apprezzate dagli alunni queste ultime: ognuno deve creare il proprio mosaico, utilizzando pezzetti squadrati di marmo colorato oppure bianco, di Carrara, famoso in tutto il mondo. Per rendere ancor più interessante il laboratorio di mosaico il professore Falcinelli ha pensato bene di accompagnare i ragazzi a visitare l’area archeologica e il sistema museale dell’antica città di Luni, situato proprio nel loro Comune, a pochi chilometri di distanza dalla scuola. L’area archeologica dell’antica città romana di Luna (la cui fondazione risale al 177 a.C) è la principale istituzione archeologica ligure per dimensioni e importanza scientifica delle sue raccolte e dipende dal Polo Museale della Liguria. Sorge presso l’abitato antico all’interno dell’area archeologica, che comprende gran parte dello spazio racchiuso dalle mura e l’anfiteatro situato al di fuori di esse. I RAGAZZI hanno seguito una visita accurata, con guida tra scavi, domus degli affreschi, busti e colonne in marmo e naturalmente domus dei mosaici. Certamente, in classe, continueranno a seguire, sino alla fine dell’anno scolastico, le lezioni , in attesa di vedere i loro mosaici terminati. Una bella iniziativa e una bella esperienza: grazie alla scuola e a persone come Falcinelli disponibili a trasmettere non solo l’amore per l’arte e la storia ma soprattutto a far amare e conoscere ai ragazzi il loro territorio spesso visto solo con occhi distratti.

Classe 3C

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI