Campionato di Giornalismo la Nazione

Versi e sonetti nell’era digitale

NEL 1590, a Firenze, l’Accademia della Crusca scelse come proprio motto un verso del Canzoniere petrarchesco: «Il più bel fior ne coglie», che ancora oggi, sovrapposto al buratto, costituisce lo stemma di questa istituzione. Il significato dichiara lo scopo del lavoro: come il buratto, o vaglio, separa il fiore della farina dalla crusca, che altrimenti renderebbe il pane nero e pesante, così gli accademici hanno il compito di separare i termini dotti da quelli «impuri». L’Accademia è la più antica istituzione linguistica del mondo. Durante tutto il suo periodo di attività essa ha mostrato un grandissimo impegno a mantenere la purezza della lingua italiana originale. Il metodo che guidò il lavoro degli accademici fu estremamente dotto, se si considera che entrarono fra le voci del vocabolario parole derivate principalmente dai grandi testi fiorentini del Trecento, pur con qualche eccezione nel tempo e nello spazio (ad esempio, furono inseriti Machiavelli e autori non fiorentini come Torquato Tasso). CONSIDERANDO che il volume raccoglieva una lingua di quasi tre secoli precedenti, viene da pensare che gli autori non inseguissero per forza la novità e che la «rottamazione» a tutti i costi, almeno da questo punto di vista, non fosse una loro priorità. NEL 1612 VENNE pubblicata la prima edizione del Vocabolario degli accademici della Crusca, punto di riferimento per chi volesse comporre in italiano corretto e «puro» e, con le sue edizioni aggiornate, il dizionario forgiò nel corso del tempo la lingua italiana. L’azione normativa dell’Accademia è rimasta in vigore fino a qualche decennio fa; oggi essa si occupa principalmente di attività di ricerca e consulenza intorno all’italiano, anche accogliendo, o meno, nuovi termini entrati in uso, quali «docciarsi», «spoilerare» e il diffusissimo «impiattare». Ai nostri tempi l’Accademia non disdegna l’utilizzo degli strumenti più moderni messi a disposizione dal web e cerca di coinvolgere anche i più giovani nel processo di apprendimento e di trasmissione della lingua del nostro paese. Fra le numerose iniziative ricordiamo ad esempio la «Settimana della lingua italiana nel mondo», che si svolge di anno in anno a partire dal 2001. Uno dei momenti più importanti della manifestazione è una videoconferenza che coinvolge enti ed istituti di ogni parte del mondo e che con un concorso intende migliorare negli studenti di scuole superiori italiane ed estere la padronanza della nostra lingua.

Classi 3A, 3B

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI