Campionato di Giornalismo la Nazione

Libri & banchi tra gli alberi

UN PEZZO di cielo, le montagne, e poi il borgo e il fiume. Questo è quello che si può vedere attraverso le finestre della nostra scuola. Un paesaggio tranquillo, antico e incantato: a poca distanza, la «Casa dei racconti», centro di ricerca e documentazione sulla letteratura orale, tramanda miti, leggende e tradizioni che costituiscono l’humus della terra in cui sorge la nostra scuola, divisa tra l’ansa del Nera e il tracciato della vecchia ferrovia Spoleto-Norcia. STUDIARE immersi nel verde rende più piacevoli le lezioni, ma soprattutto ci permette di fare esperienza diretta di ciò che studiamo sui libri di geografia, scienze e, soprattutto, storia: pensiamo, ad esempio, a quanta ne è raccolta nella sola etimologia dell’antico nome del borgo, Castrum Vallis, che può essere ricondotto sia al significato di «luogo fortificato (castrum) lungo la valle» o, addirittura, per la parola «vallum», al longobardo «wald», «bosco». Nei due giorni dedicati agli 800 anni del borgo di Vallo di Nera, noi studenti abbiamo avuto la possibilità di diventare ciceroni e illustrare la storia del paese, far conoscere le bellezze di Vallo di Nera, i numerosi affreschi, gli stretti vicoli e gli archi, gli scorci, le case e le caratteristiche costruzioni in pietra. Si riallaccia così e si solidifica, il rapporto con il territorio, un bene prezioso da coltivare con cura, rispettare e tramandare. In fondo c’è da sentirsi orgogliosi di trovarsi a vivere in un luogo di questo genere perché il rapporto con la natura è sempre più incerto e compromesso. NOI ABBIAMO il privilegio di vedere tutti i giorni il paesaggio che si trasforma con le stagioni, i colori bruni dell’autunno, la neve sul fiume, il verde tenero della primavera, gli animali che si fanno sentire vicini a noi, come lo scoiattolo che da qualche tempo abita gli alberi di fronte alla porta d’ingresso. Ma non bisogna pensare che tutto questo significhi isolamento perché la tecnologia si accompagna, nei suoi progressi, alla natura: viviamo interconnessi, abbiamo nelle nostre aule la Lim, una dotazione di computer aggiornata, la stampante tridimensionale e una palestra enorme. Non solo: la nostra piccola scuola è fornita di veri strumenti musicali (ottoni, legni e percussioni), una grande aula di arte e uno spazio esterno per fare l’orto.

Classe 3A

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI