Campionato di Giornalismo la Nazione

Oltreserchio a “km zero”

SEMPRE più spesso noi ragazzi sentiamo parlare sia a scuola che dai nostri genitori, di filiera corta e prodotti a km zero. Abbiamo deciso quindi di approfondire questo argomento osservando anche le varie realtà produttive che sono sul nostro territorio, nello specifico quello dell’Oltreserchio, trovandosi la nostra scuola a Santa Maria a Colle. Alcune di queste attività fanno parte della nostra tradizione e del tessuto sociale ed economico locale, le conosciamo bene e abbiamo deciso di dedicare loro gli articoli di approfondimento. PER PRODOTTI a chilometri zero si intendono quelli di filiera corta, ovvero quelli in cui il percorso che la materia prima compie dal campo alla tavola è direttamente dal produttore al consumatore. La riduzione quindi può essere: logistica, ovvero la vendita direttamente dal contadino; geografica, il percorso dal contadino al venditore è in termini di chilometri molto ridotto; cronologica, nel senso che tra produzione e consumo, il tempo è molto ridotto. Questa idea di prodotti a km zero piace a un numero sempre più grande di persone. Le ricadute della filiera corta sono: 1) il cibo è fresco e di qualità 2) consente un risparmio sui costi di trasporto e limita l’inquinamento e il traffico dovuto al viaggio e agli imballaggi troppo complicati. 3) consente di conoscere di persona il produttore agricolo e avere informazioni sulle tecniche di produzione, la qualità dei mangimi destinati agli animali 4) permette al produttore di avere margini di guadagno più ampi. Adesso possiamo dire che l’agricoltura e la spesa a km zero sono una filosofia di consumo ecosostenibile. Le aziende agricole fanno in modo che le fattorie siano a disposizione dei consumatori per non dover passare per forza attraverso intermediari. Siamo tutti convinti che sia importante consumare prodotti di stagione e smettere di fare quello che ci dicono le grandi multinazionali ed è importante sapere da dove vengono i prodotti che mangiamo. Nella nostra zona ci sono delle attività ormai storiche che ci permettono di gustare prodotti genuini e a prezzi contenuti, dove possiamo trovare frutta e verdura di stagione e talvolta possiamo anche coglierla dall’orto. SI TRATTA delle aziende agricole come la Fattoria Bigongiari di Farneta, il Podere del Moro di Piazzano, l’azienda agricola Chiocca di Carignano e infine Il Ciancino, una macelleria e ristorante che usa carni se non proprio a chilometri zero, possiamo dire con un uno in più, cioè 10 Km circa. Abbiamo quindi voluto approfondire la conoscenza di alcune di queste realtà e incontrare i titolari per osservare il loro lavoro e per rubare magari qualche segreto, visto che la nostra scuola, sempre sensibile ai problemi della salute e dell’ambiente, si appresta a creare un orto didattico, dove speriamo noi alunni di poter coltivare e consumare i nostri ortaggi veramente di filiera cortissima!

Classe 2C

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI