Campionato di Giornalismo la Nazione

Oggi al supermercato si fa così!

FARE la spesa è sempre stata un’azione necessaria e comune svolta all’interno di una società, ma il passare del tempo e i cambiamenti che caratterizzano ogni epoca incidono anche su questa attività, modificandone i caratteri distintivi. Oggi, per esempio, tanti sono i fattori che influenzano le nostre scelte di acquisto alimentare: il formato della confezione, la marca, la genuinità degli ingredienti e la pubblicità guidano i nostri carrelli prima di noi nei supermercati. Anche la crisi economica degli ultimi anni è stata determinante per sensibilizzarci al tema dello spreco alimentare, che si cerca di ridurre al minimo programmando meglio i tempi e i modi della spesa familiare. UN’ALTRA caratteristica più «modaiola» tipica della nostra contemporaneità è l’attrazione che i consumatori hanno nei confronti degli alimenti «senza»: interi scaffali dei supermercati sono pieni di prodotti senza glutine, senza lattosio, senza zucchero. I motivi che ci spingono a scegliere questi alimenti vanno ricercati senza dubbio nell’aumento di intolleranze e allergie alimentari, ma tanti di noi pensano anche che questi prodotti «senza» siano più salutari e quindi preferibili agli analoghi tradizionali. Qualcosa di assolutamente nuovo, poi, è entrato in gioco negli ultimi anni nella nostra vita: la tecnologia! Anche nei supermercati si avverte fortemente questa rivoluzione epocale: lettori di codici a barre, casse automatiche, totem elettronici, applicazioni scaricabili sul cellulare, software di elaborazione di menu settimanali per la famiglia. Tutto questo è ormai diventato normale per il consumatore medio, che non entra più nel supermercato con la vecchia lista cartacea della spesa ma, armato di tablet o telefonino, zigzaga tra le corsie alimentari sparando i codici dei prodotti da acquistare con disinvoltura e risparmio di tempo. Se fino a qualche decennio fa erano radio e tv a influenzare gli acquisti alimentari, oggi le grandi aziende del settore rivolgono la loro attenzione alle foto e ai commenti su Tripadvisor o Instagram, studiano i siti internet e i forum dedicati al cibo, sponsorizzano trasmissioni e reality show girati dietro i fornelli. UNA VERA rivoluzione, che addirittura ci permette di fare la spesa comodamente seduti sul divano: tutte le principali catene di supermercati, infatti, offrono ai clienti il servizio di spesa a domicilio, che permette di rifornire le dispense senza uscire di casa. Questo nuovo modo di fare spesa, sempre più hi-tech, è senz’altro veloce e pratico, ma chissà se ci ruba un altro piccolo spazio di socializzazione e interazione umana?

Classe 1C

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI