Campionato di Giornalismo la Nazione

L’importanza del ricordo

“GIORNO della memoria” in Italia fu istituito con legge n.211 del 2000. L’Onu lo proclamò nel 2005; così il 27 gennaio si ricorda quel giorno del 1945,quando l’esercito sovietico entrò nel campo di concentramento di Auschwitz e liberò i prigionieri rimasti dopo la fuga dei nazisti. Oggi vengono organizzate cerimonie e momenti di riflessione, rivolti soprattutto ai più giovani per non dimenticare, la Shoah significa “catastrofe”e si riferisce alla vicenda di quando i regimi vittoriali nazi-fascisti stabilirono di arrestare e rinchiudere gli ebrei nei campi di sterminio ed eliminare la loro razza ritenuta inferiore. Le riflessioni che si possono fare su questi drammatici eventi si fanno soprattutto ascoltando le testimonianze degli ormai pochi sopravvissuti e noi abbiamo il dovere di conservare la memoria. Anche l’Italia, a causa del regime fascista di Mussolini, si rese partecipe di questo massacro di incredibile ferocia. Forse non tutti sanno che in Italia c’era un lager la Risiera di San Sabba a Trieste, utilizzato per smistamento verso altri campi. L’offesa alla memoria di Anna Frank che si è avuta nell’occasione del derby Roma-Lazio è un’offesa non solo alla persona di Anna Frank, ma anche a quelle che, come lei, sono state catturate durante i rastrellamenti e, nonostante tutte le umiliazione e le violazioni dei diritti umani fatte dalle SS contro gli ebrei, hanno lottato fino alla fine per poter rivedere le loro famiglie e non morire in quelle macchine di morte chiamate Lager. Il giorno della Memoria ha la funzione di ricordare tutte le sofferenze inferte all’umanità dalle piaghe del razzismo e del nazismo allo scopo di sviluppare consapevolezza di ciò che soggetti come Hitler possono portare a far pensare e a far credere. Il nazismo è paragonabile a una malattia per cui ogni anno va fatto un vaccino che in questo caso è il Giorno della Memoria. I metodi per curare una malattia sono tanti ma molti sono i metodi per diffonderla ; uno degli esempi più banali è Internet che grazie alle sue informazioni può sia consapevolizzare le persone sia spingere ad abbracciare l’ ideologia razzista facendogli odiare il diverso a colui che non rispetta i suoi standard di “razza perfetta’’. I modi di superare il razzismo sono molteplici, il più efficace a nostro parere è rendere le persone meno ignoranti possibile sull’argomento, perché una persona colta non si farà ingannare facilmente da tiranni con manie di conquista e purificazione della razza come era Hitler. Il razzismo è una delle “malattie” più pericolose che esistono perché si diffonde velocemente e spesso chi ne è affetto non si rende conto delle assurdità che dice e che mette in pratica; il modo per curarlo c’è ed è ricordare persone come Anna Frank e imparare le lezioni che la storia ci ha impartito in guerra. A volte sarà doloroso ricordare, ma quel dolore sarà la barriera che impedirà una simile tragedia. Ricordare è necessario è come la necessità di un pesce a nuotare, perché ricordare ci consente di imparare dai propri errori ed è una delle cose che ci rende uomini e donne, nel bene e nel male.

Classe 3B

PER VISUALIZZARE LA PAGINA CLICCA QUI