Campionato di Giornalismo la Nazione

Il mistero degli alieni

«CI SONO MILIARDI di galassie, miliardi di stelle, miliardi di pianeti: che la vita si sia sviluppata solo su un granellino di sabbia che si chiama Terra non ha senso né dal punto di vista scientifico né da quello religioso». Cristiano Batalli Cosmogonici, dell’istituto di astrofisica e planetologia spaziale dell’Inaf, non ha dubbi: «non siamo soli». In passato si riteneva certa la presenza di esseri viventi vicinissimi a noi. Le sonde spaziali del ventesimo secolo, inviate su Marte e verso altri pianeti, hanno però escluso in maniera categorica ogni possibile presenza di vita sul pianeta rosso o all’interno del sistema solare. LA RICERCA si è spostata allora ancora più lontano, tra le altre stelle della Via Lattea, la nostra galassia. Finora sono stati scoperti quasi duemila pianeti orbitanti attorno a stelle più o meno vicine a noi ma per quanto possano sembrare tanti sono un numero insignificante rispetto ai miliardi che con ogni probabilità esistono nella nostra e nelle altre infinite galassie che popolano l’Universo e quasi certamente in molti di questi si è sviluppata la vita in qualche forma e quindi si può pensare che almeno in alcuni si siano evolute forme di civiltà. Altro discorso però è la reale possibilità di entrare in contatto con queste ipotetiche civiltà. Non solo le distanze nello spazio ma anche quelle nel tempo rendono questa possibilità molto remota. La distanza della stella più vicina al sole è di alcuni anni luce, cioè ci vogliono anni per arrivarci viaggiando alla velocità della luce. Le astronavi attualmente a nostra disposizione viaggiano a velocità molto più basse e impiegheremmo migliaia di anni. Sono allo studio diversi altri modi per spostarsi più velocemente ma per ora non ci avviciniamo neppure lontanamente alla possibilità di raggiungere le stelle. E ANCHE AMMESSO che ci riuscissimo dovremmo essere molto fortunati per trovare una civiltà in un altro pianeta che sia in attività nella nostra stessa epoca; i tempi di vita delle stelle sono talmente lunghi che i tempi della vita, i secoli e i millenni, diventano insignificanti. In definitiva il nostro sogno di incontrare i fascinosi alieni è quasi certamente destinato a rimanere solo un sogno, anche se possiamo essere quasi certi che esistano da qualche parte e che forse anche a loro piacerebbe incontrarci. Chissà se tra qualche anno con l’aiuto di una tecnologia sempre più avanti, riusciremo a saperne di più.

Classe 1C

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI