Campionato di Giornalismo la Nazione

Mille modi e mode di mangiare

COSA è meglio mangiare? Al giorno d’oggi esistono molte teorie e correnti di pensiero sull’ alimentazione ottimale e spesso si decide di seguire una dieta diversa da quella “classica” . La scelta dell’alimentazione dipende da molteplici fattori, sintetizzati in tre grandi gruppi: il riconoscimento dei diritti degli animali, la salvaguardia della propria salute e la tutela dell’ambiente. Il tipo di alimentazione “divergente” seguito da più persone è il vegetarismo. I vegetariani scelgono di non mangiare prodotti di origine animale. Questa dieta comprende diversi tipi di sottodiete: dieta vegetariana, in cui non si mangiano carne o pesce, ma sono consentiti prodotti di origine animale come latte, uova...; dieta vegana, che rinuncia a tutti i prodotti di origine animale, come latte, uova, miele...; dieta crudista, nella quale si consuma solo frutta e verdura non cotta a più di 40 gradi; dieta fruttista, che consiste nel mangiare solo frutta. Ma che cosa è una dieta? Il termine dieta deriva dal greco “diaita” cioè stile di vita e già questo indica che una corretta alimentazione deve sempre essere inserita in un contesto generale di vita sano. La dieta mediterranea è considerata la dieta più sana perchè è la più varia ed equlibrata. La dieta mediterranea è un modello nutrizionale ispirato ai modelli alimentari diffusi in alcuni paesi del bacino mediterraneo (come l’Italia e la Grecia) negli anni cinquanta del XX secolo. Si basa su alimenti tradizionalmente consumati in questi paesi tra cui, per esempio, cereali, frutta e verdura, olio di oliva, carne, pesce e latticini. Il concetto di dieta mediterranea è stato introdotto dal fisiologo statunitense Ancel Keys, il quale ne ha dimostrato i benefici effetti sulla longevità e sulla salute. MA NEL MONDO esistono anche diete più strane ed estreme: - il locavorismo: consiste nel nutrirsi di cibi prodotti e trasformati nell’arco di 200 km dalla propria area di appartenenza; - la dieta paleolitica: consiste nel mangiare alimenti reperiti in natura, proprio come nel Paleolitico. Infine troviamo la dieta Reducetariana e quella Breathariana. La prima consiste nel ridurre il consumo di alimenti animali solo a una volta a settimana, mentre la seconda consiste nel non mangiare niente di fisico dichiarando che si possa vivere solo di aria e sole. E’ bene informarsi per poter capire quali alimenti mangiare con più frequenza e di quali invece diminuirne l’assunzione, ma l’importante è evitare scelte estreme e ricordare che l’equilibrio nell’ali

Classe 2D

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI