Campionato di Giornalismo la Nazione

Spendi bene e vivi meglio

GLI ITALIANI come fanno la spesa? Preferiscono la qualità o la convenienza? Queste sono le domande che i ragazzi della Scuola Secondaria di Murlo hanno posto ai dipendenti e ai clienti del supermercato Conad in via Massetana Romana a Siena. Negli anni passati e anche recentemente gli Italiani facevano la spesa guardando più al prezzo che alla qualità. Adesso si presta maggior attenzione al luogo di provenienza e alla tecnica di coltivazione biologica. Infatti il direttore del supermercato ha riferito che la richiesta di cibi biologici è in aumento e i clienti preferiscono prodotti sani, di stagione, ricchi di vitamine e a km 0. L’addetto alla vendita del reparto pescheria ha mostrato le etichette del pesce che riportano il metodo di pesca o il tipo di allevamento; il luogo di provenienza è indicato dal codice F.A.O. (Food and Agricolture Organization). La stessa cosa vale per le confezioni di carne, dove sono riportati luogo, metodo di allevamento e di macellazione degli animali, soprattutto di bovini e suini; conigli, polli e altri volatili vengono invece portati al supermercato già confezionati, a tutela dell’igiene e per risparmiare tempo. Nel reparto gastronomia i prodotti vengono controllati e selezionati; per garantire ai clienti la freschezza, ogni giorno sono sfornati focacce, panini, pizze e croissant. Lo spazio di vendita è organizzato in modo tale da invogliare il cliente a comprare: all’entrata vengono messe la frutta e la verdura per dare una sensazione di freschezza e anche perché sono la prima cosa che cercano i consumatori. I prodotti di prima necessità vengono posizionati nei reparti centrali, mentre le bevande si trovano in fondo, per evitare che confezioni troppo ingombranti riempiano subito il carrello. Il responsabile ha rivelato che chewing-gum e caramelle sono esposte apposta vicino alle casse per attirare l’attenzione dei consumatori: questi sono chiamati prodotti a impulso. Ogni quindici giorni vengono cambiate le offerte sugli articoli e per sei mesi sono lasciati invariati i prezzi di alcuni, con la formula “bassi e fissi”. I prodotti più acquistati sono gli alimenti di base come la pasta e il pane; la clientela più giovane sceglie inoltre cibi etnici, biologici o ricercati, come anche quelli per diete particolari (vegan, gluten free, senza lattosio). I consumatori intervistati hanno dichiarato di privilegiare la qualità rispetto al prezzo e di controllare l’etichetta delle confezioni. A molti clienti piace sperimentare nuovi prodotti alimentari, seguendo la tendenza del momento grazie ai programmi televisivi culinari oggi molto seguiti.

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI