Campionato di Giornalismo la Nazione

Nonni nell’era di Facebook

QUANTO INCIDE la presenza dei nonni nella vita dei ragazzi? Qual è il rapporto con i loro nipoti nell’epoca dei social-network? Le figure dei nonni non sono una presenza costante per tutti i ragazzi dei nostri elenchi: il 30% circa, sono in Italia da pochi anni e tra loro il 15% non ne ha più nessuno, mentre il 55% li ha in altri paesi; solo il 4% vive con loro. Per i ragazzi del luogo i nonni non ci sono più per il 15% e solo il 6% vive nella stessa casa, mentre il 35% ha occasione di averli nella stessa città. L’età dei nonni italiani si aggira per l’8% tra i 50-60 anni, per il 32% tra i 60-70 anni e per il 51 % tra i 70-80, ma un 21% dei nipoti non ha informazioni. Stesse percentuali sull’età si registrano tra i nonni non italiani. Sui titoli di studio una grande percentuale di alunni non ha saputo rispondere: 9% tra gli italiani e un 35% tra gli altri. Risultano tra i nonni non italiani, il 12% di titoli elementari, un 8% di licenze di scuola media un 9% di diplomi e un 6% di lauree; un 6% non ha titoli. Percentuali diverse per i nonni italiani: un 37% di titoli elementari, un 28 % di licenza media, un 15% di superiori e un 5% di lauree; un 5% non ha titoli. Per gli hobby e interessi questi antenati rimangono attaccati alle tradizioni tipiche delle loro età: caccia e pesca tra il 9 e il 20%, maglia e cucito tra il 25 e il 45% delle nonne; un buon 20% dei nonni segue la cura dell’orto. Tra le attività l’agricoltura ha impegnato il 37% degli italiani e il 17% degli stranieri ma anche qua i nipoti non sanno con precisione per il 15-20%, mentre sono tra le più varie altre attività svolte, sia nei settori dell’industria sia in quelli dell’artigianato o nelle libere professioni, con variazioni dal 20 al 40%. Tipico dei nonni è il raccontare storie per il 35-45%, giocare con i nipoti e insegnare a pedalare per 7-20%, giocare a pallone per il 20%; a fare la maglia il 20%, cucinare per il 25-40% e studiare per il 15%. I regali dei nonni sono soldi per il 40-66%, indumenti per il 40%, giochi per il 20%, ma anche cibo per il 20% e oggetti vari (libri, gioie, ecc.). Tra le qualità dei nipoti i nonni apprezzano il carattere, con un 40-50, il comportamento con un 30-40% e l’intelligenza al 30-40%, l’aspetto fisico per un buon 20-40%, mentre è decisamente inferiore il loro gradimento per l’andamento scolastico che risulta solo al 8-15%. Tra le critiche che riversano sui nipoti spiccano quelle al carattere 26%, al cibo 23%, e risultano alte, 15-20% quelle per l’andamento scolastico. Il «nonno» ripropone ancora gli stessi comportamenti che da sempre gli vengono attribuiti, ma anche lui si sta attrezzando alle nuove tecnologie e sono solo pochi, un 4% a non utilizzare nulla: il 50-70% usa normalmente il cellulare, un 30% il computer e un 5/6% la CAM, mentre un 17% frequenta i social-network e qualcuno (3%) gioca alla playstation. Il dato conclusivo è lo sguardo dei nipoti che giudicano i loro nonni noiosi per un 8-20%, ma sono soprattutto figure «tuttofare» al 25-50%, premurose al 70%, generose al 40-70%, divertenti al 30-60% e per un 15-20% moderne.

Classe 2C - tutor: Franco Bronzini, Stefania Giansanti

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI