Campionato di Giornalismo la Nazione

Adolescenti, sport e salute

«CRESCERE SANI»...obiettivo difficile da perseguire per gli adolescenti di oggi, bombardati in età sempre più precoce da messaggi mediatici contrastanti, che propongono modelli estetici e stili di vita spesso discutibili, se non addirittura dannosi per la salute. Abbiamo chiesto consiglio ad un esperto, il pediatra Giovanni Poggini Quale varietà di cibi dovremmo assumere quotidianamente alla nostra età? «Una dieta ricca di frutta e verdura e di alimenti il meno elaborati possibile, che seguano le indicazioni di quella che oggi viene definita nutraceutica: essa non valuta più i cibi solo come fornitori di calorie ma dà valore agli alimenti che contengono molecole utili alla nostra salute, quali ad esempio gli antiossidanti, che per questo sono denominati “smart food”». Quanti pasti dovremmo fare quotidianamente? «Almeno cinque pasti, con un’abbondante colazione al mattino, con alimenti più ricchi di carboidrati nella prima parte della giornata e di proteine nella seconda parte. Un proverbio recita: ‘a colazione mangia come un re, a pranzo come un principe, a cena come un povero’ ». Quali sono i cibi sconsigliati per la nostra salute? «Le merendine, ciò che si distribuisce nei fast food: prendete appunti sui cibi che vengono molto pubblicizzati, semplicemente per... non acquistarli!». Quali sono gli sport consigliati per gli adolescenti? «Quelli che si sono scelti da soli e li fanno stare bene quando li praticano. Decisamente da evitare invece quelli che implicano sforzo anaerobico, quali il sollevamento pesi ed il culturismo. Lo sforzo anaerobico si ha quando i muscoli, molto contratti per un lungo periodo, non permettono un adeguato flusso di sangue con scarsa ossigenazione delle loro cellule». Lo sport è sempre sinonimo di salute? «Non quando sottopongono l’organismo ad uno sforzo eccessivo o sono praticati contro la propria volontà ». Secondo lei quante ore al giorno o alla settimana è consigliato dedicare alla pratica sportiva? «Almeno 30 minuti di attività moderata, quale il gioco all’aperto, tutti i giorni. Le attività aerobiche che prevedono un significativo impegno di cuore ed apparato respiratorio, come pattinare od andare in bicicletta sono da praticare per almeno venti minuti, meglio un’ora, da tre a cinque volte alla settimana. Gli sport che richiedono più forza e capacità di movimento, come il nuoto o la danza, le arti marziali o le arrampicate, vanno praticati due, massimo tre volte alla settimana ». Cosa pensa dei cibi energetici pubblicizzati per migliorare le prestazioni sportive? «Non lo penso io, è la scienza che ci indica che non devono essere assunti! ».

Classe 1A - tutor: Patrizia Donati, Stefania Gianstanti

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI