Campionato di Giornalismo la Nazione

Disabilità, condizione di vita

HANDICAPPATI, portatori di handicap, diversamente abili, disabili. E’ una lunga storia! Un tempo di loro si vergognavano anche i genitori. Piano piano sono arrivati l’integrazione scolastica, i centri per le terapie, ne ha cominciato a parlare la televisione e lentamente molti di noi hanno imparato a considerarli e a rispettarli. Il 13-12- 2006 l’ONU ha approvato «La Convenzione per i diritti delle persone disabili» un miliardo nel mondo (in Europa 50 milioni, in Italia 4 milioni, in Toscana 200 mila). Attraverso i 50 articoli la Convenzione ha indicato agli stati firmatari la strada per garantire l’uguaglianza dei diritti e la via per l’inserimento sociale dei disabili. Il parlamento italiano, tra i primi al mondo, l’ha convertita in legge nel 2010. Gli articoli riguardano il rispetto, l’autonomia, la libertà, la non discriminazione del disabile e la sua inclusione nella società. A noi ragazzi ha interessato in particolare l’articolo 9 che affronta l’accessibilità non solo di marciapiedi, strade, edifici pubblici e privati, ma anche di musei, stadi, teatri e mostre. Come ci ha suggerito il signor Tozzi, l’espressione più giusta è “accessibilità alla vita”. Molte delle città sono antiche, molti edifici sono stati costruiti quando la sensibilità verso i disabili era scarsa, ma è nostro dovere rendere loro la vita più agevole. Più che mai attuale la possibilità di usare il computer e lo smartphone, per i ragazzi strumenti vitali; ma affrontare questo argomento richiederebbe molto spazio. Cercando informazioni, siamo rimasti colpiti dai numeri; abbiamo capito che la disabilità ci investirà sempre più da vicino e che dobbiamo diventare sensibili ad ogni tipo di diversità. A Balnearia, a Marina di Carrara, abbiamo saputo che in Italia nel 2012 è nato il progetto bandiera lilla, che si pone come obiettivo il favorire un turismo per i meno fortunati. La bandiera lilla è un riconoscimento ottenuto da quei Comuni, stabilimenti balneari, hotel che hanno un’attenzione superiore alla media e, quindi servizi migliori, per le persone disabili. Per ora la bandiera lilla è stata ottenuta da dieci comuni liguri, ma anche le nostre tre spiagge libere di Marina di Carrara sono dotate di tre job, carrozzine che permettono ai disabili di accedere al mare. Il Presidente Mattarella il 3 Dicembre, in occasione della giornata europea dei diritti dei disabili, ha detto che nessuno può «sottrarsi ai doveri di solidarietà». Noi siamo solo ragazzi, ma sarebbe ingenuo pensare che non possiamo e non dobbiamo fare niente. Cosa possiamo fare? Andiamo a trovare a casa i nostri compagni, stiamo vicino a loro, anchepoco tempo, perché i gesti giusti sono contagiosi, ti fanno sentire bene e danno il via a comportamenti migliori che diventano abitudini irrinunciabili.

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI