Campionato di Giornalismo la Nazione

Quattro narcisi gialli

IL GIORNO 31 MARZO noi, studenti delle classi terze dell’istituto comprensivo Pasquini di Massa e Cozzile, in collaborazione con l’istituto comprensivo Martin Luther King di Bottegone, parteciperemo ad una performance teatrale a Pistoia alla Fortezza di Santa Barbara, che per la sua importanza è inserita nel cartellone degli eventi di Pistoia capitale italiana della cultura. La manifestazione si intitola «Quattro Narcisi Gialli» ed è ideata e diretta dalla regista di fama internazionale Firenza Guidi. Quattro narcisi come le quattro vite prematuramente spezzate il 31 marzo ‘44 alla Fortezza di Santa Barbara, le vite di quattro ragazzi decorati nel 2007 con la medaglia d’oro al merito civile dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Quattro giovani, le cui vite tutte insieme non raggiungevano gli ottant’anni: Lando Vinicio Giusfredi di Massa e Cozzile, Aldo Calugi, Alvaro Boccardi, Valoris Poli di Pistoia, nati tra il 1924 e il 1925. La collaborazione del Pasquini con Firenza Guidi è iniziata lo scorso anno quando la regista, contattata dal sindaco di Massa Niccoli, ha ideato uno spettacolo per ricordare Vinicio Giusfredi nel 72º anniversario della morte. «QUATTRO NARCISI gialli – dice la regista – è l’immagine che più mi ha colpito leggendo il libricino che racconta la storia di Vinicio, come se questi quattro fragili fiori fossero l’ultima cosa che il giovane vede poco prima di morire. È stata proprio questa immagine che mi ha spinto a dare il titolo all’evento». La performance è stata rappresentata per la prima volta il 2 aprile 2016 nei giardini adiacenti la nostra scuola, di fronte alla cittadinanza, all’amministrazione comunale, al prefetto Angelo Ciuni, a monsignor Roberto Filippini, vescovo di Pescia e all’onorevole Edoardo Fanucci. Tutti noi alunni abbiamo dato il nostro contributo lavorando come scenografi, creatori e interpreti, seguendo le indicazioni di Firenza e del suo staff. Siamo stati trascinati emotivamente dalla narrazione della regista che è riuscita a farci vivere il passato, a farci percepire la disperazione di tante famiglie a cui la guerra aveva portato via figli, fratelli, madri, padri. Come i quattro ragazzi della fortezza che, rifiutando di arruolarsi nell’esercito repubblichino, andarono incontro alla morte. «Il teatro ha il potere di rendere il passato presente ora. È importante che i ragazzi vivano queste emozioni sulla loro pelle per capire fino in fondo che la memoria fa ancora parte della loro storia», conclude la regista. È un’enorme soddisfazione per tutti noi prendere parte nuovamente allo spettacolo «Quattro Narcisi Gialli» in un anno così importante per Pistoia e per l’intera provincia.

Classi 1E - 3E

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI