Campionato di Giornalismo la Nazione

Una classe… bestiale!

QUANDO si dice che dobbiamo essere amici degli animali, nessuno pensa che possiamo esserlo anche a scuola. La nostra esperienza invece dimostra il contrario. Il progetto proposto dai nostri insegnanti si chiama “Le tre C” e cerca di farci raggiungere alcuni importanti obiettivi: prendersi cura degli altri, acquisire una maggiore responsabilità e prestare attenzione, in modo autonomo, ai bisogni quotidiani di un piccolo animale. Ecco perché dall’inizio dell’anno scolastico, a farci compagnia in classe, c’è stato un pesciolino rosso. La prima cosa da fare è stata quella di trovargli un nome e dopo una veloce votazione il nome scelto è stato quello di “Cocco”. Da quel momento abbiamo dovuto imparare alcune semplici regole che riguardavano il pasto e la pulizia della sua acqua: ogni giorno bisognava dargli due palline di cibo, tranne il sabato e il lunedì, giorni in cui ne prendeva una in più visto che la domenica la scuola è chiusa. Ogni due giorni poi occorreva cambiargli l’acqua, e questa procedura richiedeva qualche operazione in più: due alunni a turno prendevano la vaschetta e si recavano in bagno, e mentre uno di loro, dopo averlo preso con un retino, teneva Cocco in modo che non saltasse fuori, l’altro sciacquava la vaschetta e la riempiva di acqua pulita. Successivamente, Cocco veniva rimesso dentro, e poteva iniziare un’altra giornata scolastica. FORSE però avrete notato che stiamo parlando al passato. Cocco infatti, una mattina, è morto. Avevamo messo dentro la sua vaschetta alcune piccole conchiglie, per abbellirla, ma ci siamo accorti che una di esse, spostandosi, l’aveva intrappolato sul fondo. Quando abbiamo provato a liberarlo, la sua pinna caudale non si muoveva più e lui non riusciva a raggiungere le palline di cibo. Così, arrivando a scuola pochi giorni dopo, lo abbiamo trovato girato da un lato, senza vita. Questo fatto ci ha riempito di dolore, ma ci ha anche insegnato che non dobbiamo avere comportamenti che possano mettere a rischio la vita degli altri: dalla prossima volta, niente più conchiglie! Sì, perché c’è stata una “prossima volta”: dopo averne discusso in classe infatti abbiamo deciso di comprare altri due pesciolini, che abbiamo chiamato Matt e Bise: le regole da seguire sono più o meno le stesse, con alcune piccole variazioni: sul fondo abbiamo messo dei sassolini colorati, che rendono più simpatica la loro vaschetta senza essere un pericolo, e quando cambiamo l’acqua dobbiamo prima tenerla un giorno in un’altra vaschetta, per aspettare che il cloro si depositi sul fondo. Per il resto, cerchiamo di metterci lo stesso amore, sperando che possano restare con noi ancora per tanto tempo.

Classe 2A - tutor Simone Maioli, Marcella Ciulli, Marilena Telleschi, Michela Vivaldi, Elisabetta Cenderelli

PER LEGGERE LA PAGINA CLICCA QUI